EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Cinque salsicce tipiche del sud Italia

Date - novembre 5, 2015 Category - Uncategorized

La salsiccia è certamente l’insaccato più conosciuto e apprezzato, nonostante nasca come recipiente di scarto, proprio per non buttare nulla. Infatti è un cibo molto saporito, ma resta in una fascia di prezzo economica e riscuote successo nel turismo perché facilmente trasportabile. Ogni regione italiana ha la sua versione e le salsicce più famose del Sud Italia sono principalmente cinque:

  • Campania. La Cervellatina tipica di questa regione è fatta di carne suina finemente tritata e si accompagna benissimo ai friarielli.
  • Puglia. La Zampina si chiama così dalla base degli spiedini adatti a cuocerla. È un insieme di carni bovine e ovine, macinate con sale, pepe, pomodoro, basilico e formaggio locale.
  • Basilicata. Pezzente è il nome dovuto a un assemblaggio delle parti meno pregiate del maiale, ma che con l’aggiunta di spezie riesce a creare un insieme di sapori particolari. Ad oggi è un presidio Slow Food.
  • Calabria. Questa regione è conosciuta per la salsiccia Zazicchiu, D.O.P. e protetta dal Consorzio di Tutela dei Salumi di Calabria. Le carni tritate a medio taglio sono insaporite da pepe, pepe rosso dolce o piccante e semi di finocchio.
  • Sicilia. La Pasqualora è una salsiccia che si consumava principalmente nel periodo pasquale, presenta una forma a U ed è un misto di carni di maiale e bovine. La si cucina in padella col vino, o alla brace, o fritta nel ragù.

Scopri di più:

>>> L’Oms avverte: mangiare 10 chili di carne al giorno potrebbe fare male <<<

Comments are closed.