EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

I Gruppi di Acquisto Solidale: cosa sono e perché nascono

Date - ottobre 1, 2015 Category - Uncategorized

I Gruppi di Acquisto Solidale sono delle associazioni spontanee di consumatori che si organizzano per acquistare collettivamente dei beni, spesso alimentari, selezionando i fornitori in base a criteri di qualità dei prodotti, dignità dei lavoratori coinvolti e rispetto per l’ambiente.

Questi gruppi generalmente sono interessati a prodotti locali e ad alimenti da agricoltura biologica, seguono il principio della sostenibilità e privilegiano la “filiera corta”. Essi entrano in relazione diretta con i produttori instaurando un clima di dialogo e fiducia reciproca.

Il loro approccio deriva dalla necessità di un cambiamento profondo nel nostro stile di vita e, come tutte le esperienze di consumo critico, anche questa mira ad inserire aspetti etici nel mercato, per indirizzarlo verso un’economia che ponga al centro le persone e le relazioni.

L’ordinamento giuridico definisce questi gruppi come “Soggetti associativi senza scopo di lucro costituiti al fine di svolgere attività di acquisto collettivo di beni e distribuzione dei medesimi con finalità etiche, di solidarietà e sostenibilità ambientale”.

Esistono diverse forme di aggregazione dei G.A.S.: alcuni creano delle associazioni vere a proprie, mentre altri non fanno parte di una struttura organizzativa formalmente riconosciuta.

Un Gruppo di Acquisto Solidale decide di utilizzare il concetto di solidarietà come criterio guida nella scelta dei prodotti. Ci si domanda cosa c’è dietro ad un determinato bene di consumo, se chi lo ha prodotto ha rispettato le risorse naturali e le persone, qual è l‘impatto sull’ambiente in termini di inquinamento, imballaggio, trasporto.

Più semplicemente, i G.A.S. sono gruppi di famiglie residenti nello stesso quartiere, o nello stesso condominio, che si organizzano per effettuare collettivamente i propri acquisti, puntano sulla socializzazione e sulla condivisione e soprattutto sono animati dal comune desiderio di diventare consumatori critici.

Comments are closed.