EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

NOVE TIPI DI MIELE

Date - dicembre 15, 2015 Category - Uncategorized

Con l’arrivo del freddo il miele può rivelarsi una riserva di energia e dolcezza, adatto ad accompagnare tisane e infusi e funzionale in una dieta misurata dall’attività sportiva. Il miele è proprio il cibo che le api immagazzinano all’interno dei favi per essere preparate alla carestia invernale. L’ingrediente centrale del miele è il nettare.

Esistono diversi tipi di miele:

  • Agli agrumi. Presenta un colore molto chiaro e opaco, ha una grana spessa e un sapore un po’ acidulo. Ha proprietà antispasmodiche e sedative.
  • Di acacia. Quasi trasparente, viene utilizzato nelle preparazioni dolci perché non ne influenza il gusto in quanto molto delicato.
  • Di castagno. Dal colore scuro e sapore deciso, un po’ amarognolo. È un ricostituente.
  • Di ciliegio. Dal sapore fruttato, ha proprietà drenanti.
  • Di corbezzolo. Poiché il corbezzolo fiorisce tardi è un miele molto raro, anche il gusto è particolare, piuttosto amaro.
  • La colAzione americana: i pancake

  • Di tiglio. Conosciuto per le sue proprietà sedative contro il nervosismo e casi di insonnia.
  • Di tarassaco. Subito riconoscibile per la sua ambivalenza di dolce e salato. Stimola l’attività dei reni e depura il fegato.
  • Millefiori. Il sapore cambia a seconda del luogo in cui è prodotto.
  • Di bosco. Ha un colore molto scuro e un sapore caramellato. La sua particolarità è quello di essere prodotto non dal nettare ma dalla melata, una sostanza secreta da altri insetti nella linfa delle piante e poi raccolta dalle api.
    È ricco di minerali e un ottimo ricostituente.
  • Il Vegetarianesimo

 

Comments are closed.